Dalla Giunta, un passo avanti verso la formazione del nuovo Consorzio di igiene urbana

Approvato in giunta il Piano industriale di igiene pubblica del nascituro Consorzio inter-comunale.

L’assessore Maurizio Spezzano dichiara più che soddisfatto:

“Salutiamo con gioia l’approvazione in giunta del Piano industriale di igiene pubblica: sta per nascere il consorzio di igiene urbana “Minerva” che nelle nostre intenzioni, così come in mitologia, rappresenta la divinità romana della lealtà in lotta e della saggezza. “Minerva” sarà una società interamente pubblica, di proprietà dei Comuni consorziati, e totalmente nuova,:non verrà infatti rilevato nessun ramo di Lazio Ambiente, pertanto, a differenza dei consorzi passati, non avremo debiti pregressi da far ricadere sui cittadini ancor prima di partire. Offrirà un servizio innovativo in cui sono previste tutte le prestazioni per un servizio di igiene ottimale, inclusi i servizi che attualmente paghiamo fuori tariffa come, per citarne alcuni, la raccolta degli sfalci, le disinfestazioni, la raccolta straordinaria degli ingombranti. Per rendere più razionale il servizio abbiamo lavorato per mesi interi, di concerto con gli altri Comuni aderenti. Una volta a regime, sono previsti investimenti per la gestione diretta della filiera delle varie raccolte, pertanto l’obbiettivo che ci siamo prefissi è quello di creare maggiore occupazione. Sono previsti, a differenza del servizio attuale, controlli con le guardie ambientali in modo tale da combattere da subito le discariche abusive e tutti coloro che non effettueranno in modo idoneo la separazione dei rifiuti. Nel lungo periodo ci siamo prefissati di arrivare alla quantificazione della tariffa puntuale, facendo dunque pagare ai cittadini quanto effettivamente ogni famiglia produce.”

Conclude il Sindaco, Danilo Giovannoli:

“Specificatamente a quanto attiene al nostro Comune, i servizi saranno in aumento ed avremo un numero di operatori quasi doppio all’attuale cifra, incrementando così l’occupazione all’interno dei confini comunali. A ciò si aggiungano i due finanziamenti regionali, ottenuti con il grande lavoro degli uffici e dell’assessore Spezzano, per la realizzazione dell’isola ecologica e della compostiera di comunità, 400 mila euro che renderanno più efficiente il servizio stesso. È stato un percorso faticoso e lungo, frutto di acume e lungimiranza delle nuove classi politiche locali che puntano ora e finalmente a una gestione più pulita, in tutti i sensi, del sistema dei rifiuti.”