A Subiaco, consegnato il premio alla concittadina Annunziata Pellegrini

Nella bellissima cornice della sala del Trono, all'interno della Rocca Abbaziale di Subiaco, la nostra brillante cittadina Annunziata Pellegrini è stata insignita del terzo premio di "Rajche,Primo Concorso Letterario Regionale in dialetto”.
Ad accompagnarla il figlio, alcuni concittadini del gruppo All'osteria de 'i gnoranti e la delegata alla cultura del Comune di Labico, Tina Miele

La motivazione

Di seguito i motivi che hanno portato l'associazione culturale Rajche premiare il racconto in prosa:

"Più che lo stile essenziale della narratrice colpisce il susseguirsi degli eventi che passano dalla più umile scena di intimità familiare alla sconvolgente subitaneità della guerra"

Il racconto

4 Novembre 1943

 

Dopo che ita a lavà i panni pe' chelle signore che se potienu permette na lavannara, matroma revinne a casa co na mezza saccocciata de pulenta. Quanti panni sarà lavatu pe facci magnà a tutti!!!... Chella sera ci parea Sa' Rocco! Tutti ‘ntorno alla spianatora, parèmo i riazzi de mo ai parco giochi più bello de i monno. «Mo basta!» se ne rescì a ncerto puntu matroma «Se ve la finiscete tutta mo, domà che vi magnete?» Niciunu tenea i coraggio de protestà quando matroma ci dissi de smette de magnà... pe pensà a chello che ci saria aspettatu i giorno dopo. Pusate le forchette (pe chi le tenea) ‘ncima la spianatora, ce ne semo iti a dormì sognennose chella pulenta che ci saria spettatu la matina dopo e non vedèmo l'ora de svegliacci pe remagnaccela a colaziò. Ma a svegliacci chella notte non è statu j'addore de pulenta rescallata ncima alla bracia ma i rumore de na bomba che ci cascò guasi n'capu. I strilli... matroma strillea ghiamenno i nome dell'urdima fija, na riazza de mpar d'anni. Nu figli maschi che stemo a dormì tutti dentro na cammora ci retrovèmo alla casa de sotto perchè s'era sbragatu i solaiu e mezzi nnudi (a chij tiempi chi i tenea i pigiama... nu no!) semo finiti dentro la cammora ‘ndo dormienu le fije de i padrò de casa che au ‘ncominciato a strillà pure esse vedennose cascà ‘ncima tre quattro de nù. La paura però c'è durata pocu, i tiempu de capì che stèmo tutti bè, pure sorema chella più zeca. ‘Na trave che j'era cascata ‘ncima ‘ndo dormea c'ha fattu da capanna salvennola dai solaiu che s’era sbragatu. Quanno semo rezzeccati a casa sò sentitu fratemu più zeco che strillea: « Che si fattu?» ci ghiedèmo tutti... « Te si fattu male?» E denanzi alla spianatora ormai piena de carginacci cascati dai crollo dei muri e dei soffittu piagnenno dicea solo: « Bona pulenta! Bona pulenta!!»

Da chella polentata sò passati parecchi anni, ma mell’arecordo angora come fosse ieri e ‘gni tantu me capita de reccontalla, specie quanno sto co gl'amici e parlemo dei tiempi passati. Mo abbito a Roma da così tantu tiempu che me sò abbituatu a sta città, ma non me so scordatu de i paesiegliu mio e quanno tra la monnezze vedo spuntà i mezzi filuni de pà, che mancu più i cani magnenu, repenso alla pulenta de matroma, ai panni che c'ha lavato pe’ faccela magnà e all'amarezza ch'avrà provatu quanno l'ha vista condita coi carginacci. Pe non parlà delle lacrime de fratemu, e de core tra mi e mi me v’è spontaneu de dì: « Bbona fame!»