Annunziata Pellegrini tra i vincitori del Premio Letterario in Dialetto

La concittadina Annunziata Pellegrini è tra i vincitori della prima edizione del Premio Letterario in Dialetto - Regione Lazio, indetto dall'associazione culturale di Subiaco "Rajche - Radici in comune"

L'elaborato in prosa è intitolato "4 novembre 1943" e racconta, rigorosamente in dialetto, una storia realmente accaduta nel nostro Comune durante la guerra.

Dichiara la consigliera con delega alla Cultura, Tina Miele:

"Rajche, radiche, radici. Tre modi diversi di definire l’appartenenza alla propria cultura attraverso il legame della lingua dei nostri cari: il dialetto. La nostra concittadina Annunziata Pellegrini è risultata tra i vincitori della I edizione Premio Letterario in Dialetto- Regione Lazio organizzato dall’Associazione Culturale Rajche, radici in comune, di Subiaco. La nostra scrittrice ha partecipato con una prosa inedita in dialetto labicano, nella sezione B, dal titolo”4 novembre 1943”. Sabato 14 aprile a Subiaco si svolgerà la cerimonia di premiazione. Esprimo a nome dell’amministrazione tutta le piú vive congratulazioni per l’ottimo risultato raggiunto."

Di seguito le parole del Sindaco, Danilo Giovannoli:

"Questa notizia mi riempie di felicità e di orgoglio. Benedetto Croce asseriva che molta parte della nostra anima è dialetto: il dialetto rappresenta e racchiude il nostro più profondo legame con il territorio, per questo motivo va preservato e va fatto conoscere sia alle nuove generazioni che ai nuovi cittadini di Labico. Il dialetto è storia, la nostra storia e va mantenuto vivo.

Mi complimento quindi con Annunziata Pellegrini per il risultato raggiunto e con tutto il gruppo "All'osteria de 'i gnoranti", per il lavoro che svolge quotidianamente sul web, riuscendo a conciliare tradizione e innovazione e diffondendo in questo modo la nostra cultura"