Procedure di recupero Tributi: dalla trasmissione RAI conferme sulle iniziative intraprese

Si comunica che il servizio su Labico, svolto dalla RAI nell’ambito della trasmissione mi manda RAI tre , andato in onda il 09/02/2016, conferma la validità e legittimità delle iniziative intraprese dal comune per la soluzione dei problemi emersi e pertanto non si ravvisa l’opportunità ne’ tanto meno la necessità di procedere all’annullamento in blocco di tutti gli avvisi di accertamento notificati.
Ci siamo già scusati e ci scusiamo nuovamente con i cittadini per i disagi arrecati ma dobbiamo procedere ad annullare e rettificare atto per atto, in base a quanto già comunicato e ulteriormente chiarito in trasmissione dal responsabile dell’ufficio tributi, per non invalidare anche avvisi pienamente legittimi.
E’ facoltà dei consiglieri di minoranza, a prescindere dalla raccolta di firme dei cittadini, proporre al consiglio comunale una deliberazione che disponga l’annullamento di tutta la procedura, assumendosene la responsabilità con il voto favorevole.
Nel frattempo il comune continuerà ad assicurare, attraverso lo sportello operativo a palazzo Giuliani e l’ufficio tributi, il rapido esame di tutte le pratiche che richiedono una rettifica ovvero l’annullamento e tutto il lavoro sarà svolto entro il 30 giugno 2016, ovvero entro il termine di sospensione degli effetti degli avvisi di accertamento, come già assicurato pubblicamente, anche in RAI.
Vogliamo andare incontro alle esigenze dei cittadini senza tuttavia rischiare il danno erariale per mancato introito, nei termini di legge, delle tasse ed imposte effettivamente dovute da chi deve ancora pagare, proseguendo al contempo con le iniziative finalizzate ad accertare le responsabilità della società di supporto all’ufficio tributi, di cui daremo ampia comunicazione.

Il sindaco - Alfredo Galli e la Giunta Comunale